Archivio | AMBIENTE ED ENERGIA RSS feed for this section

Pepe Mujica: «Giovani, abbiate paura. O non vi salverete dalle disuguaglianze e dall’olocausto ecologico»

17 Set

Risultati immagini per Pepe MujicaL’ex presidente dell’Uruguay, in visita in Italia, racconta le sue idee su crisi e democrazia, migrazioni e demografia, lavoro e innovazione. Un’agenda per la sinistra che verrà? «Il populismo è una sciocchezza intellettuale, il nome che diamo a quel che non ci piace»

di

Tratto da Linkiesta 3/set/2018 Continua a leggere

Annunci

Veganomics?

9 Lug

Risultati immagini per Veganomics?Questo blog non è in alcun modo vegano. Ma condivide la preoccupazione per l’eccesso devastante di produzione di carne e per la crudeltà degli allevamenti intensivi. C.P.

a cura di Piero Rizzo Continua a leggere

Diritto al cibo e “diversità” ambientale

11 Giu

di Maurizia Pierri

Risultati immagini per Diritto al ciboNel 1976 Rozin teorizzò  il cosiddetto  “dilemma dell’onnivoro”,[1] che risale a Rousseau e Brillat-Savarin. Gli animali non onnivori non hanno dubbi su cosa mangiare; le loro preferenze sono geneticamente determinate e i loro sistemi digestivi sono in grado di assorbire tutto ciò di cui l’organismo ha bisogno da una piccola gamma di beni alimentari. Gli onnivori (come l’uomo), invece, devono dedicare tempo e riflessione per capire quali tra gli innumerevoli alimenti offerti dalla natura possano essere ingeriti senza rischio. Le loro scelte sono dettate dalla necessità di sopravvivere, dal gusto ma anche dalla cultura. Quest’ultima  codifica le regole di una dieta “prudente” con una serie complessa di tabù, rituali, ricette, norme e tradizioni. “Mangiare è una quotidiana riaffermazione di identità culturale”, come è stato detto. [2] Continua a leggere

Economie di scala e diseconomie negli allevamenti intensivi

15 Mag

Risultati immagini per allevamenti intensividi Anna Pellanda

Il 18 aprile 2018 per iniziativa del Fai si è tenuta presso il Comune di Padova una mia “conversazione” sull’analisi costi/benefici e gli allevamenti intensivi (v. anche il mio art. su Sviluppo Felice del 4 maggio 2015). Della conversazione del 18 aprile, si approfondiscono ora due aspetti: le economie di scala e le diseconomie. Ci si riferisce agli allevamenti intensivi dove si produce carne a basso prezzo ma con profitti altissimi. Continua a leggere

I migranti climatici

23 Apr

Risultati immagini per I migranti climaticia cura di Piero Rizzo
Migranti e Sviluppo – Commenti Esteri n. 17 (aprile 2018)
Un rapporto della Banca Mondiale (“L’ondata: prepararsi per la migrazione interna”) afferma che 143 milioni di persone potrebbero emigrare entro il 2050 a causa dei cambiamenti climatici e dei fenomeni conseguenti (scarsità d’acqua, raccolti grami e innalzamento del livello del mare). Continua a leggere

Dai diritti naturali ai diritti della Natura

9 Apr

Risultati immagini per diritti della Naturadi Maurizia Pierri – aprile 2018
Nel post “E’ possibile parlare di sviluppo se il pianeta sta morendo?”, del febbraio scorso, ho evidenziato che una delle grandi sfide di oggi è quella dei cambiamenti climatici. Qualunque strategia si voglia adottare, non si può prescindere dagli strumenti propri del diritto, siano essi di soft law (non direttamente vincolanti) o di hard law (cogenti). Continua a leggere

Amazzonia: la tragedia del bene comune

12 Mar

Gli economisti chiamano “tragedia dei beni comuni” la tendenza dei cittadini a sfruttare le risorse pubbliche a fini privati fino ad estinguerle o a comprometterne la funzionalità. Applicato all’Amazzonia (7 milioni di kmq, distribuiti su 9 paesi) questo fenomeno si configura davvero come una tragedia senza fine.

Nella sua visita in Perù di fine gennaio 2018, papa Francesco ha condannato duramente la devastazione ambientale dell’Amazzonia che si traduce anche in devastazione umana (1). Il meccanismo è noto fin dagli anni Cinquanta del secolo scorso, quando apparvero sulla stampa le prime denunce, fatte dai gesuiti, dell’eccidio di villaggi indigeni amazzonici (ad es. si regalavano ai bambini zollette di zucchero avvelenato) per lasciare libero il terreno allo sfruttamento. Questi fenomeni si sono ingranditi sempre più. Lo sfruttamento intensivo delle foreste toglie l’habitat vitale alle tribù indigene e le condanna a una rapida estinzione.

In che cosa consiste questo sfruttamento? Nel prelievo forsennato del legname per il mercato europeo; la coltivazione di beni alimentari per la Cina; la sostituzione della foresta col pascolo per i bovini e la carne degli USA; lo sfruttamento incontrollato di acque e miniere. Questi processi trovano la complicità dei governanti corrotti in Brasile, Perù, Colombia, ecc. I latifondisti e proprietari terrieri si sono coalizzati in un blocco sociale (rurales), del quale fanno parte anche quelli che sfruttano illegalmente le miniere e i garimpeiros. Questi ultimi dragano i fiumi alla ricerca di oro usando il mercurio; il quale inquina le acque, distrugge la fauna ittica e i terreni, avvelena le fonti di sopravvivenza degli indios.

Daniele Mastrogiacomo racconta (2) che in Brasile ci sono appena 30 guardie forestali che dovrebbero proteggere 4 milioni di ettari. Una volta queste guardie avevano sequestrato le barche di garimpeiros e taglialegna illegali, ma questi incendiarono gli uffici dell’agenzia per l’ambiente, si ripresero le barche e hanno continuato il loro scempio (3).

Alla potentissima lobby dei rurales si aggiunge quella delle esportazioni. In Brasile, all’inizio di questo secolo la deforestazione si era ridotta del 70%, grazie alla limitazione dello sfruttamento dei terreni amazzonici imposta dalle presidenze Lula e Roussef; ma poi lo sfruttamento è ripreso in modo incontrollato. Il Brasile è tornato ad essere il più grande esportatore mondiale di zucchero, pollo, caffè, ecc. Temer, il presidente brasiliano accusato di corruzione conclamata, ha evitato l’impeachment grazie al permesso dato alle lobby di riprendere lo sfruttamento incondizionato dell’Amazzonia. Una situazione simile c’è in Perù, dove il papa ha protestato, e negli altri paesi amazzonici.

I latifondisti (152 imprese posseggono 40 milioni di ettari), le aziende agricole e le decine di migliaia di piccoli contadini hanno bruciato finora circa 500mila km quadrati di foresta (il 10% di tutta l’Amazzonia). L’esportazione di legname pregiato produce lo stesso effetto, perché trasforma la foresta in pantani e terre sterili. Le grandi dighe idroelettriche, come quella di Tucurui, la più grande, hanno distrutto centinaia di migliaia di ettari di vegetazione, che marcisce sotto le acque ed emette gas velenosi (4). In un solo anno (agosto 2105-luglio 2016) sono stati abbattuti 8mila km quadrati di foreste, pari a 135 volte la superficie di Manhattan (5).

Bisogna ricordare che l’Amazzonia è la più grande sede di biodiversità e la più grande fonte di ossigeno del pianeta. Si pensa che ospiti circa 60.000 specie di piante, alcuni milioni di specie di insetti, 3.000 specie di pesci, 1.300 specie di uccelli (si pensa che un quinto di tutti gli uccelli viva nella foresta amazzonica), 430 specie di mammiferi e altrettante di anfibi, e 380 specie di rettili (Wikipedia). La sua distruzione forsennata porterà il clima e l’ambiente terrestre al collasso.

Le miniere di ferro, uranio, bauxite, ecc., sono sfruttate senza controllo dalle multinazionali. Il 90% dei nuovi scavi avviene al di fuori delle concessioni governative e l’area disboscata illegalmente è 12 volte più grande di quella disboscata legalmente (6).
Di fronte a questa situazione, la Norvegia ha dimezzato i suoi aiuti economici al Fondo per l’Amazzonia del 2017 e minaccia di sospendere gli stanziamenti del 2018 e 2019 (7).

Vedi i media del 10-20 gennaio scorso.
Vedi la Repubblica del 20/1/18.
3) V. i ripetuti appelli di Avaaz; e l’appello degli scienziati sul clima (sbilanciamoci.info del 24/11/17).
4) V. Scheda di Elena Lorenzini e Francesca Ramponi in http://www.icponte.gov.it/ipertesti/america_meridionale/foresta.htm).
5) Lorenzo Brenna, “L’amazzonia è sempre più spoglia”, Lifetime, 2/12/2016 online.
6) Le Scienze, “Le attività minerarie distruggono l’Amazzonia”, 20/10/2017 online.
7) Rafael Marcoccia, “La distruzione dell’Amazzonia (e nostra)“, Terre d’America, online, 1 luglio 2017.

 

 

E’ possibile parlare di sviluppo se il pianeta sta morendo?

12 Feb

di Maurizia Pierri     –     Ambiente: catastrofe o sviluppo – febbr. 2018

Risultati immagini per Economia del bene comune (Mondadori, 2017)In Economia del bene comune (Mondadori, 2017) il premio nobel Jean Tirole si interroga sulla sorte del bene comune e sul futuro dell’ economia capitalistica, messa in difficoltà da una crisi finanziaria globale che ha peggiorato le condizioni di milioni di persone e deteriorato il principio di pari dignità sociale. Egli individua, tra le grandi sfide che il nostro mondo dovrà affrontare e vincere al più presto, quella dei cambiamenti climatici e del loro impatto sull’ambiente. Continua a leggere

Digressione

Tecnologie rivoluzionarie e investimenti in tecnologia sostenibile

22 Gen

Dal prossimo febbraio, Sviluppo Felice si rinnova (ma rimane fedele all’ispirazione iniziale). Il primo lunedì di ogni mese sarà dedicato a specifici Temi dello sviluppo, compresi quelli dell’Italia; il 2°, al disastro dell’ambiente e a come uscirne fuori; il 3°, a denunziare le false verità che rendono difficile un’analisi dell’arretratezza del Sud d’Italia; il 4°, ai tre post di Migranti e Sviluppo (cioè a come fare dei migranti un fattore di sviluppo). Continuate a seguirci e se trovate interessante il blog, fatecelo sapere. Ci renderà più motivati.
===================================================================
Il documento 22-1-2018

Tecnologie rivoluzionarie e investimenti in tecnologia sostenibile
di Maria Alejandra Madi
Per raggiungere i 2 gradi centigradi concordati nel Trattato di Parigi, al livello globale, bisognerebbe diminuire le emissioni del 40-70%, riferite al 2010, entro il 2050.
Secondo la Bloomberg New Energy Finance, nel 2017 gli investimenti anti-inquinamento hanno superato quelli del 2016 di 287,5 miliardi di dollari. Negli ultimi anni, la Cina, grazie a un forte sostegno governativo, ha avuto un rapido aumento di investimenti sostenibili per l’ambiente ed è ormai il primo paese negli investimenti in energia rinnovabile. Inoltre nel 2017 enormi progetti per l’energia eolica si sono avuti in USA, Messico, Gran Bretagna, Germania e Australia (2017 White Paper, Tsing Capital Strategy & Research Center).
Gli investimenti ambientali hanno riguardato problemi tradizionali, come il trattamento dei rifiuti solidi delle acque e delle energie rinnovabili. Questi investimenti sono stati ad alta intensità di capitale per essere competitivi.
Dopo questa fase, gli investimenti cleantech si sono basati su innovazione tecnologica e riduzione dei costi. Fra gli altri esempi, ricordiamo il solare fotovoltaico, i veicoli elettrici, le lampade LED, batterie e semiconduttori, e investimenti in energia più efficiente. La necessità di lunghe ricerche e sperimentazioni in questo settore ha creato forti barriere ai concorrenti.
L’ultima evoluzione degli investimenti verdi, quella sustaintech, riguarda l’evoluzione digitale e le tecnologie basate sul cloud (nuvola) puntano a rimuovere gli ostacoli ambientali, energetici e di risorse per accelerare gli investimenti sostenibili. Negli ultimi 7 anni sono sote imprse a capitale di rischio come Opower, Nest, Solarcity e Tesla. Nel frattempo Google ha acquistato Nest per 3,2 miliardi di dollari nel 2014; Oracle ha acquistato Opower per 532 milioni di dollari nel 2016.
In base ai nuovi modelli di impresa, le imprese sustaintech hanno fatto investimenti a intensità di capitale più bassa e hanno causato la proliferazione di tecnologie altamente innovative. Si tratta di tecnologie rivoluzionarie con un ruolo chiave nello sviluppo sostenibile, come Internet delle cose, Intelligenza artificiale, Realtà reale o virtuale aumentata (iper-realtà), Big Data (grandi banche dati), Stampanti 3D e Materiale avanzato.
° La tecnologia a sensori Internet delle cose sta accrescendo la sostenibilità riguardo all’efficienza energetica, le risorse idriche e i trasporti.
° La tecnologia degli investimenti artificiali, delle immagini satellitari, i metodi computazionali sono usati ora per migliorare le previsioni e la sostenibilità in agricoltura.

° Le tecnologie della realtà virtuale e della iper-realtà mostrato di poter aprire un largo spettro di industrie.

° I Big Data, sono stati orientati ad ottimizzare l’efficienza energetica e per ridurre i costi delle tecnologie pulite – come pannelli solari e veicoli elettrici –

° Le stampanti 3D possono migliorare l’efficienza nell’uso delle risorse nella manifattura e accrescere l’uso di materiali verdi (non inquinanti).
° La tecnologia dei materiali avanzati può sostituire le risorse non rinnovabili attraverso il riciclo e accrescere l’efficienza dei macchinari.

Per raggiungere gli obbiettivi fissati a Parigi, entro il 2030 sono necessari investimenti per 13,5mila miliardi di dollari per l’efficienza energetica e le tecnologie a basso contenuto di carbone. Considerando il quadro complessivo degli investimenti, nonostante questi investimenti di frontiera, siamo ancora lontani da questo obbiettivo. Il problema di un impegno per il clima non è mai stato così urgente.
(da Real-World Economics Review Blog, January 11, 2018)

Clima, migranti e Piano Marshall per l’Africa

5 Giu

l’articolo 5-6-2017 di Cosimo Perrotta

Risultati immagini per Piano MarshallC’è un punto in cui i due maggiori fattori di crisi sociale nel mondo (inquinamento ambientale e migrazioni) si toccano; ed è un punto dirimente sia per queste due grandi tragedie sia per lo sviluppo mondiale. Si tratta dell’esodo dovuto al collasso dell’agricoltura in molti paesi africani. In quasi tutta l’Africa l’agricoltura è l’attività economica fondamentale, o come percentuale di PIL o come percentuale di occupati. Essa è un’attività fragilissima, e la sua crisi è la causa principale della fame e dell’esodo di molti africani verso l’Europa. Continua a leggere