Archivio | Redazione RSS feed for this section

Si aggrava la crisi anglofona in Camerun

6 Nov

il documento – Africa senza pace, n. 2 di Marco Cochi

da Nigrizia Notizie, martedì 24 ottobre 2017

Risultati immagini per Si aggrava la crisi anglofona in CamerunLe proteste della popolazione di lingua inglese in Camerun contro il governo centrale, in corso da un anno, sembrano essere sfuggite di mano al presidente Paul Biya. La sua violenta repressione ha ottenuto solo il rafforzamento delle istanze secessioniste delle due regioni occidentali. La situazione è al limite dello scontro armato, ma può rientrare con il dialogo e immediate concessioni autonomiste. Continua a leggere

Annunci

Migranti e Sviluppo n. 11-12/2017

30 Ott

Risultati immagini per gli africani emigranomensile di Sviluppo Felice e humanfirst.it a cura di Cosimo Perrotta e Gianluca Palma

 11-12– chiuso il 29 ottobre 2017 Continua a leggere

Africa senza pace n. 1 / Rwanda, tortura e impunità

16 Ott

Il documento 16-10-2017

Risultati immagini per RwandaPubblichiamo qui il primo di una serie di documenti che parlano dei massacri e le violazioni dei diritti umani che si svolgono oggi in Africa. Dedichiamo questi documenti a chi ritiene che i profughi che arrivano in Europa da paesi non ufficialmente in stato di guerra non abbiano diritto all’accoglienza.

 

Rwanda, tortura e impunità Continua a leggere

La democrazia nel mercato: i consumatori

2 Ott

Risultati immagini per i consumatoriCaro Direttore, a prima vista può sembrare un non senso parlare di democrazia nel mercato. Una formula ambigua la definiscono A. Panzeri e E. Corali in La “Democrazia economica”: Regime democratico e regime di mercato due realtà irrimediabilmente diverse e concorrenti. Anzi è proprio l’aspetto competitivo fra i due sistemi a rendere praticamente ambigue formule come “democrazia nel mercato”, “democrazia di mercato”, “capitalismo democratico”.  Se si può essere d’accordo sull’ambiguità dell’espressione “capitalismo democratico”,  mi sembra che si sia troppo frettolosamente liquidata anche l’espressione “democrazia nel mercato”. Continua a leggere

Capitale umano e consumismo

25 Set

l’articolo 11-9-2017 di Cosimo Perrotta

Risultati immagini per Capitale umano e consumismoL’idea che l’istruzione e il training aumentino la produttività del lavoro esiste da sempre nell’economia moderna. A volte essa è stata declinata in termini individuali: l’individuo dedica tempo allo studio per aumentare la propria specializzazione e quindi il reddito. Altre volte, si riferisce ad un processo collettivo. Continua a leggere

Crisi e repressione in Egitto

10 Lug

di Pino Dragoni – Il Manifesto

da NENA: Near East News Agency – Agenzia Stampa Vicino Oriente, 5 luglio 2017

egittoSotto al-Sisi la popolazione egiziana si è impoverita e nuovi aumenti dei prezzi colpiscono le classi più deboli. Il malcontento è diffuso e radicato ma manca un fronte organizzato anti-governativo, disintegrato dalla repressione di Stato Continua a leggere

Evasione fiscale e piccole imprese

19 Giu

il documento 12-6-2017 di Emmanuele Bobbio

Risultati immagini per Evasione fiscaleRiassunto in italiano di “Evasione fiscale, dinamica d’impresa e crescita aggregata”, ricerca della banca d’Italia Continua a leggere

Migranti e Sviluppo – n.8 [05/2017]

31 Mag

Migranti e Sviluppo mensile di Sviluppo Felice e humanfirst.it

a cura di Cosimo Perrotta e Gianluca Palma chiuso il 28-5-2017

Risultati immagini per scarsa natalità e l'invecchiamento

Se l’Unione Europea non riuscirà a governare l’emigrazione, rendendola un fattore di sviluppo per tutti, il suo progetto di civiltà e di benessere fallirà. E con esso si spegnerà il principale faro nel mondo di democrazia, di diritti umani e diritti civili Continua a leggere

Collabora con Sviluppo Felice

25 Mag

Il progetto culturale e la spiegazione del titolo “Sviluppo felice” si trova nella Presentazione (nel menù in cima alla homepage). Gli articoli devono trattare temi economici e sociali del nostro tempo, visti come problemi dello sviluppo. Devono cercare di essere originali nell’argomentazione, o nell’approccio o nei dati utilizzati. A questo proposito, è bene che gli articoli siano scritti come commento a qualche libro o articolo, o a più di uno; e che espongano una sola tesi principale.

Gli articoli non devono superare tassativamente le 5mila battute (bit), inclusi gli spazi e le note (si noti che a volte i bit delle note non vengono computati insieme col testo e vanno aggiunti). Le citazioni, da fare in nota, devono essere poche. Il linguaggio dev’essere piano e scorrevole. Le espressioni tecniche che non si possono evitare vanno spiegate brevemente.

Gli articoli possono essere anche in inglese o francese o spagnolo (possibilmente controllati da una persona di madre-lingua). Comunque nel blog c’è un comando per la traduzione automatica (quindi imperfetta) in 4 lingue.

A corredo dell’articolo vanno aggiunti (non conteggiati nei 5mila bit): 1) cinque parole-chiave; 2) la proposta delle categorie (una o due) in cui collocarlo;  3) eventuali immagini/foto, con indicazione della fonte; 4) proposta del titolo; 5) due-tre righe di autopresentazione dell’autore. Tuttavia titolo e indicazione delle categorie sono redazionali.

Ogni articolo sarà vagliato da almeno due esperti. Se approvato, il suo autore può essere invitato a rivederlo. L’editing può rendere necessarie alcune modifiche di forma.

Dal 2012 abbiamo pubblicato oltre 300 contributi proposti da docenti e professionisti da tutto il mondo. Più di 1000 iscritti ricevono la nostra newsletter in tutto il mondo.

Invia il tuo contributo a: sviluppofelice@gmail.com con la tua biografia di max. 300 caratteri

Lo sciopero della fame dei palestinesi nelle carceri israeliane

15 Mag

il documento 15-5-2017

1511027492-1

foto tratto da: Infopal

La Lega araba ha chiesto ieri alle Nazioni Unite di aprire un’inchiesta internazionale sulle “violazioni” commesse da Israele nelle sue carceri. I palestinesi, intanto, denunciano i trasferimenti dei prigionieri e i continui blitz delle guardie israeliane nelle loro celle. Manifestazioni di solidarietà a Betlemme e Ramallah Continua a leggere