Tag Archives: formazione

Valore della persona e organizzazione del lavoro

16 Nov

Il documento  16-11-2015 di Cesare Grisi

lavoro aziendaCerchiamo di fissare i punti principali su cui si basa il lavoro globalizzato della nostra contemporaneità. Punti che corrispondono a precise competenze e capacità che il nostro lavoratore, dopo i corsi di formazione a cui è stato destinato, possiede senz’altro. È ora finalmente pronto ad andare in un contesto aperto, veloce e mutevole: è per questo segreto piano di sviluppo che l’azienda ha fatto investimento su di lui, affinché alla fine, come un dipendente modello, incarnando l’ideale aziendale, debba: Continua a leggere

Annunci

“L’Italia non è un paese per giovani”

23 Dic

di Anna Villani

grafico_neet

Fonte: Elaborazioni dati Eurofond, 2012.

In Italia l’occupazione femminile tende a polarizzarsi in attività a basso valore aggiunto e quindi a bassa remunerazione e a concentrarsi prevalentemente su impieghi a basso profilo. Nonostante il rendimento scolastico delle donne sia, ormai da qualche anno, migliore di quello degli uomini, esse non riescono a trovare impieghi corrispondenti alle loro capacità; e a parità di mansione, percepiscono un compenso inferiore di circa 10-20% a quello dei colleghi maschi (in maniera più marcata nei settori privati e in posizioni elevate)[1]. Continua a leggere

Politiche per il rilancio dell’economia italiana

18 Apr

Abbiamo rivolto ad alcuni economisti questa domanda: Quali sono i 5 o 6 provvedimenti principali che possono rilanciare la crescita e L’OCCUPAZIONE PRODUTTIVA in Italia?   – Dopo Paolo Pini e Marcello Messori risponde Paolo Pettenati. Prossimamente risponderanno anche Vera Negri Zamagni, Adriano Giannola, Lilia Costabile, Stefano Zamagni.

Risponde Paolo PettenatiUniversità Politecnica delle Marche

euro-politiche-economichePer rilanciare l’economia italiana è indispensabile in via preliminare una riforma del sistema elettorale e/o istituzionale che consenta al Paese di esprimere un governo stabile e autorevole.

Obbiettivo primario del governo dovrà essere l’aumento della competitività del sistema economico per evitare che l’auspicata crescita del PIL si traduca in disavanzi della bilancia commerciale e quindi in un insostenibile aggravio dell’indebitamento con l’estero. A tal fine è necessario superare la sterile contrapposizione tra politiche della domanda e politiche dell’offerta: l’esperienza storica internazionale insegna, infatti, che ambedue le lame della forbice marshalliana sono indispensabili per tagliare il nodo gordiano che frena la crescita. Continua a leggere

Roma: Corso avanzato Innovazione, crescita, produzione internazionale

19 Mar

INNOVAZIONEAl via l’ottava edizione del corso avanzato Innovazione, crescita, produzione internazionale che si terrà a Roma dal 15 al 19 aprile 2012 (scarica il programma).

Per informazioni e iscrizioni, scrivere a: Valeria Cirillo, valeriacirillo@hotmail.it Continua a leggere

Ma cos’è lo Sviluppo?

1 Set

di GIANLUCA PALMA

“Sviluppo”, noi meridionali siamo cresciuti pensando che dietro quella altisonante parola ci fossero panacee miracolose per i nostri mali economici e sociali.

In questi ultimi anni la crisi economica, sociale ed etica che sta attanagliando l’intero sistema mondo ci spinge a riflettere profondamente sul significato stesso della parola “Sviluppo”. Cosa che succede raramente; mentre accade spesso che si trascurano i diversi significati che questa parola assume quando viene affiancato da aggettivi quali sociale, umano, tecnologico, sostenibile. Essi ne modificano le interpretazioni, solitamente circoscritte ad ambiti squisitamente economici. Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: