Archivio | Migranti e Sviluppo RSS feed for this section

Commenti Esteri per Migranti e Sviluppo maggio 2018

30 Mag

Risultati immagini per accordo UE-Turchia

a cura di Piero Rizzo

Il 20 marzo è stato il secondo anniversario dell’accordo UE-Turchia sulla gestione dei migranti sulla rotta balcanica. In sintesi, in base all’accordo la Turchia avrebbe impedito che le barche partissero dalle sue coste verso la Grecia e questa a sua volta avrebbe rimandato verso la Turchia i migranti che non avessero acconsentito di registrarsi e quelli le cui domande di asilo fossero state respinte. In cambio per ogni profugo respinto, un altro sarebbe stato trasferito dalla Turchia all’Unione europea attraverso dei canali umanitari. Il tutto finanziato dalla UE con tre miliardi di euro. Continua a leggere

Annunci

Come integrare i migranti – Prima parte

29 Mag

Risultati immagini per integrare i migrantiMigranti e Sviluppo maggio 2018

Lavoro e accoglienza – 18 di Aldo Randazzo

Cause delle migrazioni

Uno degli scopi del convegno dovrebbe essere quello di approfondire le ragioni che alimentano le migrazioni. Questo è importante per governarle (o tentare di farlo). Prevalentemente ci troviamo di fronte a fenomeni endogeni quali le guerre, le carestie, le estreme povertà, ecc. Non è escluso possano esservi motivi connessi alle facili comunicazioni odierne che, consentendo la conoscenza di stili di vita diversi, alimentano la speranza o l’illusione di una vita migliore. O, ancora, il richiamo di parenti precedentemente emigrati che hanno raggiunto migliori condizioni di esistenza. Continua a leggere

I migranti climatici

23 Apr

Risultati immagini per I migranti climaticia cura di Piero Rizzo
Migranti e Sviluppo – Commenti Esteri n. 17 (aprile 2018)
Un rapporto della Banca Mondiale (“L’ondata: prepararsi per la migrazione interna”) afferma che 143 milioni di persone potrebbero emigrare entro il 2050 a causa dei cambiamenti climatici e dei fenomeni conseguenti (scarsità d’acqua, raccolti grami e innalzamento del livello del mare). Continua a leggere

Sul lavoro degli immigrati

23 Apr

Risultati immagini per lavoro degli immigrati

di Aldo Randazzo
Migranti e Sviluppo – Lavoro e Accoglienza n. 17 (aprile 2018)
L’inserimento lavorativo è il primo passaggio del processo d’integrazione degli immigrati. Su tale questione non credo possano esservi opinioni contrarie. Il problema è sul come vi si arriva e ciò che è bene fare prima, dal momento dell’accoglienza. Continua a leggere

Il lavoro è consentito a pochi immigrati

23 Apr

Risultati immagini per lavoro degli immigrati

Migranti e Sviluppo – la Scheda n. 17 (aprile 2018)

Appena arrivati in Italia, gli immigrati sono assistiti per la prima accoglienza. Subito dopo essi dovrebbero essere mesi in grado di contribuire al proprio mantenimento. Questa è necessario per la loro dignità e la loro integrazione con i locali. Ma ciò avviene solo per pochi di loro: quelli che entrano nei centri Sprar (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati) che gestiscono la seconda accoglienza. Per tutti gli altri, lo stato di assistiti passivi si prolunga per anni, generando, in loro, frustrazione e tendenza alla clandestinità, e – in gran parte dell’opinione pubblica – l’accusa di parassitismo. Continua a leggere

Un caso disperato

26 Mar

Immagine correlata

Migranti e Sviluppo – La scheda n. 16 (marzo 2018)

I giornali del 19 e 20 marzo scorso riportano la vicenda della nave Open Arms della Ong spagnola Proactiva. Questa, di fronte all’intimazione e alle minacce armate della Guardia costiera libica, si è rifiutata coraggiosamente di consegnare i 150 naufraghi che aveva appena salvato a 70 miglia dalla costa libica, cioè in acque internazionali. Si noti che la Libia, la cui Guardia costiera è finanziata dall’Italia, non ha mai definito la propria area di competenza per i salvataggi. In compenso cerca di impedire i salvataggi degli altri. Dopo un lungo inseguimento, la nave spagnola è riuscita a sbarcare a Malta un bambino che era in condizioni gravissime, e poi ha atteso ben 30 ore che l’Italia le desse il permesso di sbarcare i naufraghi a Pozzallo (Ragusa).

Continua a leggere

Sull’emigrazione, Macron non convince il New York Times

26 Mar

Risultati immagini per Sull emigrazione, Macrondi Piero Rizzo
Migranti e Sviluppo – Commenti esteri n. 16
Il 22 e il 25 febbraio il New York Times ha pubblicato due articoli, non propriamente elogiativi, sulle iniziative della Francia riguardo all’immigrazione. Continua a leggere

Un convegno su “Le migrazioni: occasione di sviluppo in Italia e in Africa”

26 Mar

Migranti e Sviluppo – Lavoro/Accoglienza n. 16 (marzo 2018)

Nel prossimo autunno (data probabile, 26-27 ottobre) Humanfirst – l’associazione che pubblica questo mensile insieme a Sviluppo Felice – sta programmando un convegno nazionale, da tenere a Lecce, dove saranno invitati a parlare i maggiori esperti italiani delle migrazioni attuali verso l’Italia, soprattutto docenti universitari, operatori Ong e rappresentanti di istituzioni. Continua a leggere

Un trattato internazionale sull’emigrazione

26 Feb

di Piero Rizzo

Migranti e Sviluppo – Commenti esteri n. 15 (febbr. 2018)

Antonio Guterres, Segretario Generale dell’ONU, nel Guardian del 12 gennaio scorso,
parla per la prima volta di un trattato globale sulla migrazione che deve essere negoziato dai governi sotto l’auspicio delle Nazioni Unite. L’obbiettivo è di trasformare una fonte di abusi, di umiliazioni e di conflitti in un fattore di prosperità.
Gestire la migrazione – dice Guterres – è una delle sfide più difficili per la cooperazione internazionale nel nostro tempo. La migrazione favorisce la crescita economica, riduce le disuguaglianze e unisce società diverse. Tuttavia è anche una fonte di tensioni politiche e di tragedie umane. La maggioranza dei migranti vive e lavora legalmente. Ma una minoranza disperata mette a rischio la propria vita per entrare in paesi dove deve affrontare sospetti e abusi.
Quest’anno i governi negozieranno per la prima volta un accordo globale sulla migrazione per il tramite delle Nazioni Unite. Non imporrà alcun obbligo agli Stati. Ma è un’opportunità per contrastare i miti perniciosi sui migranti ed elaborare una visione comune sul problema.
Il mondo è rimasto scioccato dal recente video della CNN sui migranti venduti come schiavi. E’ scandaloso che ogni anno migliaia di migranti subiscano la stessa sorte senza che l’opinione pubblica ne sia informata. Oggi ci sono quasi sei milioni di migranti costretti ai lavori forzati, spesso nelle economie sviluppate.
Il trattato si deve basare su tre principi.
Il primo è riconoscere i benefici dell’immigrazione. Gli immigrati di norma non tolgono il lavoro ai lavoratori locali e in più i loro salari avvantaggiano sia i paesi che li ospitano sia quelli di origine.
Il secondo. Bisogna rafforzare lo stato di diritto nell’interesse proprio e dei migranti. Contro l’illegalità e gli abusi, i governi mettano in atto più corridoi legali per la migrazione.
Il terzo. C’è bisogno di maggiore cooperazione internazionale per proteggere i migranti, e di ristabilire il regime di protezione dei rifugiati in conformità alle leggi internazionali. Il destino di migliaia di persone che muoiono non è solo una tragedia umana, rappresenta anche un fallimento della politica.
Per parte nostra, notiamo che il successo di questo trattato incontrerà notevoli ostacoli. Si pensi a quanto scrive Houellebecq (“Credo che questa invasione sia organizzata dai Fratelli Musulmani che si avvalgono di mezzi finanziari provenienti da vari Stati. Non potendo fare una guerra all’Europa, possono preparare un’onda crescente di migranti e gradualmente sottomettere l’Europa”. Oppure si pensi alle dichiarazioni dei capi politici del gruppo di Visegrad, come Zeman, Kaczyński, Fico e Orban.
Ma anche nell’Europa dell’Ovest c’è molta ostilità. Si pensi all’articolo di Douglas Murray (dell’ Express) citato nell’11° numero di Migranti e Sviluppo, che concludeva: l’Europa sta andando dritta verso il suicidio e sta distruggendo la sua civiltà.
Come diceva Einstein è più facile rompere un atomo che un pregiudizio. Speriamo vivamente che l’ONU abbia successo. Non è retorico affermare che il suo sarebbe anche un successo di tutta l’umanità.
https://www.theguardian.com/commentisfree/2018/jan/11/migration-benefit-world-un-global-compact

 

Accoglienza e rinascita economica dei comuni

26 Feb

Migranti e Sviluppo – Lavoro/accoglienza n. 15 (febbr. 2018)

Date uno sguardo ai siti in calce a questo post. Il primo afferma che ci sono in Italia quasi mille borghi abbandonati, per passati disastri o per l’emigrazione. Wikipedia ne dà un elenco selezionato regione per regione. Alcuni di questi borghi che sono poco popolati ma non del tutto deserti, offrono notevoli incentivi per incoraggiare a trasferirsi lì. Bormida (Savona) offre un bonus di 2mila euro e affitti a partire da 50 euro mensili. Gangi (Palermo), eletto il più bel borgo d’Italia 2014, offre le case gratis. Un altro borgo molto noto è Craco (Matera) che ha conservato intatte le case medioevali, e oggi vivacchia con 800 abitanti.

Questi siti ne parlano come mete di visita turistica e artistica. In effetti molti degli antichi borghi, specie medievali, sono stati restaurati da privati e sono ora ambiti luoghi di residenza e turismo.

Ma il problema dei borghi spopolati in Italia è molto più vasto. Innanzitutto, lo spopolamento dei borghi – in un paese montuoso come il nostro – ha causato l’abbandono della cura di boschi, corsi d’acqua, sentieri e strade. La politica delle Comunità montane non è bastata a impedire questo abbandono complessivo, che rende il territorio fragile e incline a smottamenti, frane, inondazioni e incendi. Il ripopolamento di alcuni borghi da parte di famiglie agiate non rimedia a questa disastro. Possono rimediarvi invece gli immigrati, a cui si possono insegnare i lavori e le tecniche per preservare l’ambiente montano e collinare.

I migranti inoltre, opportunamente assistiti, possono rivitalizzare l’economia di tipo artigiano e del piccolo commercio – oltre all’economia turistica. Il modello ormai famoso è quello di Riace (Reggio Calabria). Ma molti altri paesini stanno seguendo la stessa strada. Il sito di Sky Tg 24 (in calce) descrive anche Satriano (Catanzaro), Santorso (Vicenza), Santa Marina (Salerno), Chiesanuova (Torino), S. Alessio in Aspromonte (RC), comuni dai 300 ai 6mila abitanti che sono rinati grazie alla presenza in ciascuno di essi di poche decine di immigrati. Vita online fa un lungo elenco di comuni delle valli piemontesi; Città Nuova online parlava di Lemie, sempre in Piemonte, notando che è la stessa comunità a chiedere agli immigrati di restare. Il Corriere della Sera (25-8-2015) parlava di Acquaformosa (Cosenza).

Ci sono in Italia circa 1.100 comuni coinvolti nella rete governativa SPRAR (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati), direttamente o tramite consorzi; e i posti Sprar finanziati sono oltre 31mila (dati di novembre 2017). Ma i comuni italiani sono oltre 8mila, ed è grave che vengano lasciate al loro insindacabile giudizio le decisioni di accoglienza. Lo stesso vale per le Province, che aderiscono a Sprar solo in 18. Le regioni con una accoglienza Sprar più alta sono – in ordine decrescente – Sicilia, Lazio, Calabria, Campania ed Emilia-Romagna, ecc.

C’è anche una Rete di Comuni Solidali (RE.CO.SOL – ultimo sito indicato). Sono 263, fra cui solo 4 capoluoghi (Alessandria, Cagliari, Cuneo e Messina). Fra l’altro, essi propongono una “Carta di solidarietà” per l’accoglienza. Fra gli impegni da prendere c’è quello di escludere progetti di accoglienza che non abbiano forme di inclusione sociale.

Paesi abbandonati in Italia, se ne contano 6000. Ecco i più belli

https://it.wikipedia.org/wiki/Città_fantasma_in_Italia

http://www.zingarate.com/italia/

tg24.sky.it/…/migranti-progetti-sprar

http://www.vita.it/it

http://www.sprar.it

http://comunisolidali.org