Tag Archives: Welfare

L’inefficienza della disuguaglianza

24 Giu
"Chi troppo chi niente" di Emauela Ferragina - Rizzoli, 2013

“Chi troppo chi niente” di Emauela Ferragina – Rizzoli, 2013

di Valeria Cirillo

Al pari dell’analisi su aid-effectiveness, sviluppatasi negli ultimi anni in economia dello sviluppo, sulla cosiddetta efficacia degli aiuti internazionali, anche in economia politica e in politica economica sta riemergendo uno storico dibattito circa l’impatto delle disuguaglianze sul funzionamento del sistema-paese, sia termini economici che politici. Continua a leggere

Annunci

‘Austerità espansiva’ e provvedimenti per la crescita e l’occupazione. I parte

4 Apr

Abbiamo rivolto ad alcuni economisti questa domanda: Quali sono i 5 o 6 provvedimenti principali che possono rilanciare la crescita e L’OCCUPAZIONE PRODUTTIVA in Italia? – Prossimamente risponderanno anche Marcello Messori, Paolo Pettenati, Vera Zamagni, Adriano Giannola, Lilia Costabile, Stefano Zamagni.

Risponde PAOLO PINI

riforma elettorale

Bisogna considerare che in Italia la crisi iniziata nel 2007 si è aggiunta ad una fase di ristagno che dura da alcuni decenni. L’economia italiana soffre dunque sia di scarsità di domanda sia di bassa produttività. Per di più essa si muove in un contesto di politiche europee poco favorevoli alla crescita (v. avanti). In questo quadro vanno raccomandate le seguenti politiche. Continua a leggere

La qualità del lavoro ai tempi della recessione (l’ultima indagine ISFOL)

6 Feb

di Valeria Cirillo

qualità della vitaIn un’epoca di riduzione dell’occupazione ed allarmante incremento della disoccupazione il concetto di qualità del lavoro (QdL) può apparire superfluo. Eppure, la riflessione teorica su questo tema prende forma negli anni ’70 e ’80 fondandosi sul principio di “adeguamento del lavoro all’uomo e non viceversa”.[1]

Un tempo si dibatteva di QdL senza perplessità. Secondo i sociologi, da Gallino a Sennett, il lavoro rappresenta un aspetto cruciale per lo sviluppo individuale e sociale, ma è altresì un elemento centrale per il progresso economico della collettività. Continua a leggere

Qual è lo stato sociale al quale dobbiamo rinunciare

12 Nov

Federico Rampini: “Non ci possiamo più permettere uno Stato sociale” Falso!

by   MAURIZIA PIERRI

Recentemente Laterza ha pubblicato nella collana “Idòla”, un saggio di Federico Rampini, dal provocatorio titolo: “Non ci possiamo più permettere uno Stato sociale”. FALSO.

Partendo dall’analisi di un luogo comune ormai radicato (quello espresso nel titolo),[1] Rampini svolge una valutazione comparativa tra due sistemi di welfare, quello americano e quello europeo, osservando però che il secondo è stato realizzato in modo diverso nelle differenti aree geografiche. I risultati della sua analisi, se non sovvertono completamente il senso del luogo comune contestato, ne ridimensionano notevolmente la portata. Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: