False notizie (politicamente pilotate?)

7 Feb

il documento 6-2-2017 da The Guardian

Risultati immagini per Primo Ministro canadese Justin Trudeau

Il Primo Ministro canadese Justin Trudeau

Il Primo Ministro canadese Justin Trudeau ha costretto Fox News a scusarsi e ritrattare il tweet “falso e fuorviante” che descrive il sospetto attentatore nella moschea di Québec City come un uomo di origini marocchine.

Domenica 29 gennaio, sei persone sono state uccise, colpite alle spalle mentre pregavano, e altre 19 ferite. Martedì scorso due persone erano ancora in condizioni critiche.

Poco dopo l’attacco la polizia arrestò due uomini, senza dichiararne i nomi. Ma i media locali citarono fonti della polizia per identificare i due arrestati come un franco-canadese e un cittadini del Québec di origini marocchine. A mezzogiorno di lunedì, la polizia chiarì che uno solo era il sospettato, e l’altro – che ora è interrogato come testimone – era stato rilasciato senza accuse.

Poco dopo il chiarimento della polizia, nel pomeriggio di lunedì, Fox News mandò un tweet in cui si suggeriva che c’era solo un sospettato dell’attacco ed era di origini marocchine. Il tweet non menzionava l’altro arrestato, il franco-canadese Alexandre Bissonnette, ora incolpato per 5 omicidi di primo grado e 5 tentati omicidi. Coloro che conoscono Bissonnette, lo hanno descritto come un seguace di Trump, un nemico dell’immigrazione e simpatizzante dell’estrema destra.

Alcune ore dopo fu chiarito che Bissonnette era il solo sospettato del caso, ma la notizia “falsa e fuorviante” era ancora sul twitter di Fox News. Quando il testo fu corretto, la notizia falsa era stata ormai ripetuta via tweetper più di 900 volte e aveva ottenuto 1.600 “like”.

La rappresentante del governo canadese per la rete, Purchase, chiese in una lettera a Fox News di ritrattare e aggiornare il tweet. Ella ha scritto: “Questi tweets di Fox News disonorano la memoria delle sei vittime e delle loro famiglie diffondendo disinformazione, giocando sull’identità del colpevole e perpetuando la paura e la divisione nella nostra comunità. Noi abbiamo bisogno di concentrarci sulla necessità di mantenere la nostra comunità sicura e unita, invece di tentare di innalzare muri e di indicare comunità che facciano da capro espiatorio”.

Purchase ha continuato: “Dipingere i terroristi superficialmente con un pennello così largo che si estende a tutti gli islamici non è solo da ignoranti, è da irresponsabili. Se permettiamo a individui e organizzazioni di riuscire a spaventare la gente, non avremo sicurezza. La paura non ci rende più sicuri, ma più deboli. Far salire la paura e chiudere i nostri confini non è la soluzione”.

Dopo poche ore Fox News ha chiesto scusa per l’errore: “FoxNews.com ha corretto la notizia riportata in modo scorretto e la ha aggiornata. I tweet precedenti adesso sono stati cancellati”, ha dichiarato Refet Kaplan, managing director. “Ci scusiamo per l’errore”.

Il cittadino del Québec di origine marocchine Mohamed Belkhadir ha spiegato perché passò la notte in carcere dopo l’equivoco. Ha detto che stava togliendo la neve dai gradini esterni della moschea quando ha sentito gli spari. Quando il rumore cessò, chiamò il 911 ed entrò nella moschea. “Fu un atto automatico – ha dichiarato – Non puoi lasciare la gente quando ha bisogno”. Stava aiutando un amico quando vide di scorcio un uomo con la pistola. “Non sapevo che fosse un ufficiale di polizia. Pensavo che fosse l’attentatore che tornava”. Quindi fece per scappare via. Solo quando la polizia gli ordinò di mettersi a terra, capì quello che stava succedendo. Fu rilasciato alcune ore dopo, ma intanto la sua identità era già stata identificata con quella dell’assalitore.

(da The Guardian, online, 1-2-2017. A cura di Pietro Rizzo)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: