La crescita e l’occupazione nella crisi generale del sistema

30 Mag

Continuano gli interventi chiesti ad alcuni economisti sui 5 o 6 provvedimenti prioritari per rilanciare la crescita e L’OCCUPAZIONE PRODUTTIVA in Italia. Sono state già pubblicate le risposte di Pini, Pettenati, Messori, Vera Negri Zamagni, Stefano Zamagni e Costabile (prima parte).

 Oggi risponde Anna Pellanda

Prof. ordinario di Economia Politica, Univ. di Padova

lavoroL’invito a proporre misure per rilanciare la crescita e l’occupazione è molto stimolante. Altri colleghi hanno già risposto e le loro indicazioni sono tutte validissime. In questo breve articolo si vuole riflettere sul perché si sia giunti in Italia ad un livello così basso non solo in termini di crescita e disoccupazione ma di degenerazione morale e civile.

Le motivazioni economiche sono sì esplicative ma restano al contingente, ai fatti. Qui si vorrebbe andare al fondamentale, alle ragioni prime se è vero, sulla lezione di Romagnosi, che l’ordine di fatto è illuminato dall’ordine di ragione. L’“ordine di fatto” è molto deprimente e si palesa in una estesissima crisi di istituzioni quasi quotidianamente denunciata. A detenere il primato della corruzione sono organismi preposti alla gestione di fondi pubblici e alla conduzione della finanza, della tassazione, della cura ambientale ecc. ecc. E se il sistema nei suoi gangli dirigenziali è marcio, a cascata marciscono l’impresa e la famiglia.

Ricorrente nella stampa giornalistica e specialistica è l’accusa ai mercati, ma i mercati siamo noi. Pluridirezionali sono le denunce alla politica, ma i politici li eleggiamo noi. Dolenti e tragiche sono le cronache familiari ma a comporre le famiglie concorriamo tutti noi. È quindi tempo che si vada con “l’ordine di ragione” in profondità a scandagliare il dramma del sistema guardando con coraggio alla “nudità” dell’uomo. Un uomo, quello odierno, che è eminentemente ignorante non perché non è acculturato dal sapere superiore o universitario ma perché manca del senso di responsabilità nel lavoro e di rispetto nelle relazioni umane. Questa profonda, diffusissima ignoranza è dovuta all’abdicazione della formazione nella scuola pubblica e nella famiglia.

L’Italia non ha le grandi scuole di amministrazione pubblica o di formazione sociale che altri paesi europei hanno o avevano. Ha quindi bisogno di una struttura portante che educhi sin dall’infanzia al dovere a fronte dei diritti, alla responsabilità a fronte della libertà, alla disciplina a fronte della spontaneità. Solo così il politico verrà eletto in base ai suoi programmi di benessere pubblico, i mercati saranno regolati da leggi anti-trust, gli individui si rispetteranno a vicenda e così su per la china della rettitudine e dell’efficienza.

Se causa prima di crisi è l’uomo, causa seconda o rimedio è la sua formazione. Quindi la proposta per avere crescita deve puntare a sostenere con più mezzi possibili la scuola da quella dell’infanzia alla superiore. Chiaramente deve essere pubblica perché l’istruzione è un bene pubblico non divisibile, non escludibile e con prezzi tariffati; ma il concorso del privato, se rispettoso del dettato costituzionale, non deve essere né privilegiato né penalizzato. Importante è che l’impianto comune sia l’educazione civile che prepari fin dai primissimi anni l’individuo all’inserimento sociale. Tagliare la spesa pubblica destinata all’educazione è il più grande errore che i programmi politici in questo Paese hanno fatto e forse continueranno a fare.

Certamente come in tutti i settori pubblici vanno evitati sprechi, clientelismi e parassitismi. E ovviamente si dovrà tener conto che i beni pubblici non sono pochi. Ma prioritaria tra tutti è la scuola perché elemento portante della sanità, della giustizia, dell’ordine pubblico, della cultura artistico-paesaggistica, della cura ambientale. Solo con una scuola qualificata ed efficiente si crea la società civile e si stimola l’occupazione professionale. Più formati sono gli individui e più elevata è la loro produttività in tutti i campi. Più essi sono produttivi e più vengono richiesti e più si riduce la disoccupazione.

È quindi evidente il ruolo portante della classe insegnante che deve saper formare i cittadini non i sudditi. È necessario che i maestri della prima infanzia e i docenti delle scuole successive vengano selezionati in base alla loro preparazione tecnico-culturale e non per assistenzialismo pubblico o per raccomandazioni private. È indispensabile che vengano sottoposti a regolari verifiche per sondare il loro grado di aggiornamento culturale e di capacità didattica. Anche i programmi scolastici devono essere regolarmente testati perché non ricadano in possibili e noiose esercitazioni pseudo-culturali con nessun legame all’impegno civile e morale degli studenti.

Questo è chiaramente un piano a lungo termine ma l’urgenza di realizzarlo ne giustifica l’immediata adozione. Se si riuscisse a riformare nel senso anzidetto il sistema scolastico deriverebbero a cascata benefici là dove oggigiorno più necessari. A cominciare dalla piaga dell’evasione fiscale, specchio impietoso dell’ignoranza morale degli italiani legati alla visione dello stato-nemico e non di casa comune. Ma tutte le classi sociali beneficerebbero di questa formazione di base a cominciare da quella politica oggi prevalentemente dedita a coltivare i propri interessi personali. Anche i professionisti verrebbero rinnovati dai banchieri, che non devono più speculare sui depositi dei risparmiatori, ai magistrati che non possono più dilazionare i tempi della giustizia come attualmente succede trasformando il loro compito in “massima ingiustizia”.

Le leggi stesse, emanazione precipua dei governanti responsabili, devono rispecchiare l’impegno per la crescita e l’occupazione. Prioritaria attenzione, nella stretta economica odierna, va data all’imprenditorialità che deve essere incoraggiata dal ridimensionamento del costo del lavoro attraverso la riduzione del cuneo fiscale e dalla revisione dell’IRAP. Altra indispensabile riforma legislativa riguarda la burocrazia che attualmente vessa non solo gli operatori economici ma tutti i cittadini. Solo agendo sugli individui si curano i mali italiani perché questi non sono imputabili ad astratte istituzioni o a lontane responsabilità ma sono miserie di uomini incapaci di “essere norma a se stessi”.

Annunci

2 Risposte to “La crescita e l’occupazione nella crisi generale del sistema”

  1. SILVIA GASPARINETTI 1 giugno 2013 a 23:14 #

    Non faranno mai una riforma scolastica, anche se in realta’ dovremmo solo tornare al sapere di una sessantina di anni fa ( piu’ o meno ). Le menti giovani si anestetizzano, si addormentano facilmente con stupefacenti, finto benessere, etc…
    L’importante e’ che pensino il meno possibile , per poter imbrogliare, approfittare, guadagnare potere. Ha ragione lei quando dice che i primi responsabili sono le famiglie, la scuola.ma veda: ho quarantasette anni e l’eta’ dice tutto. I nostri genitori , ragazzi ,subito dopo la fine della II guerra mondiale, hanno iniziato a vedere il benessere dopo tanta miseria, tanto dolore. Progresso, boom economico hanno fatto il resto. L’era dello spreco, del ” ti butto tanto ne compro un altro”, ha invaso il quotidiano vivere perche’ l’italiano medio aveva patito abbastanza ed era ora di finirla. E sia, hanno cestinato anche la cultura. Eravamo un grande popolo, fieri del nostro retaggio. Credo che si possa partire da qui,dagli errori educativi incoscienti della mia generazione ed avvisare i nostri figli di non ripetere le sciocchezze finto pedagogiche, ma far capire che a loro, future mamme e futuri padri spettera’ il compito di insegnare ai loro piccoli che l’Italia e’ altra cosa da quella che hanno fatto credere e dare di nuovo valore alla storia, la nostra storia, verbo della piu’ autentica cultura ,se mi e’ concesso un po’ di sano orgoglio nazionalista.Che in questo mondo globalizzato ogni Paese si fonda con l’altro portando in dono il suo miglior pregio,(e noi italiani abbiamo l’imbarazzo della scelta), il meglio di se’ e’ anche la nostra Italia, scusate se e’ poco.

  2. Salvatore Venuleo 13 luglio 2013 a 18:34 #

    Non possiamo limitarci ad attrezzare una scuola nuova per le prossime generazioni. C’è una priorità ignorata che è quella dell’educazione degli adulti. E l’istruzione è da ridisegnare in ottica di apprendimento permanente. E anche di re-certificazione continua. Una laurea acquisita 20 anni fa non garantisce nulla. Si faccia come per il rinnovo della patente. Anzi più seriamente, giacché quello è oltremodo banalizzato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: